Grazie Graziella!

Grazie Graziella!

Poco tempo fa ho ricevuto un dono raro: un pezzetto d’infanzia. Sono foto inviatemi da Graziella, una compagna ed amica della scuola elementare. Abitavo a Monsummano Terme allora. Mi sono commossa.

Recuperare un tratto del proprio passato quando non te l’aspetti diventa un privilegio che  fa sentire speciali, è come un premio arrivato dopo tanto tempo. Ed è ancor più prezioso perché è condiviso con chi quel tempo l’ha vissuto; i ricordi diventano vivi, perché non sono sbiadite immagini della mia mente, sono momenti reali che prendono sostanza nel momento stesso in cui puoi dire ad un’altra persona: ti ricordi?

Eccoci in terza elementare, come siamo piccine… e che tenerezza!  A poco a poco mi vengono in mente i volti, i nomi…

La nostra classe con la maestra Alma Marradi, amatissima e dolcissima.

Qui sotto siamo già in quinta.

 

 

In quinta. Riporto le annotazioni che Graziella, la bambina Graziella, ha scritto dietro le foto:

Trasmissione “La radio per le scuole”. Il tecnico della TV interroga il presentatore al mio fianco.

Trasmissione “La radio per le scuole”. Saggio scolastico in cui faccio la presentatrice, l’amica Fatima recita “L’aquilone”. (me la ricordo ancora questa poesia!)

E poi la gita scolastica, sempre in quinta, a Pisa.

Grazie Graziella!  Metto le foto qui perché tu possa vederle ogni volta che vuoi.

condividi!
  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • RSS
Questa voce è stata pubblicata in ricordi. Contrassegna il permalink.