Verso Monet

VERSO MONET
STORIA DEL PAESAGGIO DAL SEICENTO AL NOVECENTO
Vicenza, Basilica Palladiana
22 febbraio – 4 maggio 2014

Verso Monet

Verso Monet

Si chiude la mostra Verso Monet: gran successo di pubblico, quindi immagino code a non finire, ma probabilmente solo nei fine settimana e durante le feste.Io l’ho visitata un martedì, all’ora di pranzo, non ho fatto coda ed ho potuto ammirare i quadri in tutta tranquillità.
Questa Verso Monet di Vicenza, che mi dicono sia la stessa di Verona con analoghi successi, mi è piaciuta molto per le opere in sé – non capita spesso di vedere una ventina di Monet tutti assieme (provenienti, molti, da oltreoceano, e dunque poco noti in Europa), con l’aggiunta di sette Van Gogh. E poi Cézanne, Gauguin, Manet, Pissarro; e prima di loro i precursori dell’Impressionismo, per non parlare dei grandi pittori del Settecento e del Seicento.
Operazione commerciale questa Verso Monet? Indubbiamente sì, ma il filo che lega le opere in un percorso preciso – la progressiva acquisizione di autonomia del genere “paesaggio” – è fondato dal punto di vista della critica artistica.

L’evoluzione del paesaggio in pittura, le trasformazioni che nella pittura si sono manifestate, nell’accompagnare il viaggio dell’uomo nel tempo. Partendo da una natura che, da rappresentazione di uno spazio reso con precisione appassionata – nella grande pittura olandese del XVII secolo -, arriva, alle soglie del Novecento, a confondersi e mescolarsi con gli spazi profondi e immensi dell’anima. (dal risvolto di copertina del libro versomonet di Marco Goldin, pseudocatalogo della mostra)

 

MaVerso Monet è una mostra particolare se il visitatore vuol seguire gli umori di chi l’ha architettata, ed allora si entra in uno spazio molto soggettivo, che può piacere o meno (in quanto a rigore scientifico), ma che è certamente ricco di suggestione.

Qualcuno potrebbe dire che non è così che si fa una mostra. Io non so se esista un modo perfetto, e oggettivo, per crearla. Già, oggettivo.Non lo so e non mi interessa. (Marco Goldin in versomonet)

Mah!
In ogni caso è stata sufficiente, per rendermi contenta, la visione dei capolavori in mostra.

condividi!
  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • RSS
Questa voce è stata pubblicata in romanzi. Contrassegna il permalink.