Lussuria

Zhang Ailing
Lussuria
e altri racconti
introduzione di Ang Lee
traduzione dal cinese di Maria Gottardo e Monica Morzenti
BUR 2007

Il primo racconto, Lussuria, è ambientato a Shanghai all’epoca dell’invasione giapponese negli anni Quaranta. La protagonista è una studentessa che deve attirare in un tranello un funzionario del governo nazionalista compromesso con i Giapponesi. La storia è crudele, in quel modo nitido ed affilato che l’autrice usa come uno strumento di tortura per i personaggi.


Ang Lee, regista di film come Ragione e sentimento, La tigre e il dragone, ha trasposto sullo schermo questa breve e cupa vicenda; dell’autrice scrive: «Nessuno scrittore ha mai usato la lingua cinese con tanta crudeltà come Zhang Ailing, e nessun racconto è bello e crudele come Lussuria». E continua: «Per anni – decenni – Zhang continuò a ritoccare questa storia, tornandoci come un criminale torna sul luogo del delitto o come una vittima potrebbe rivivere un trauma…»

Il secondo racconto, I fiori di Yin Baoyan, è meno convincente; la stessa scrittrice sembra non esserne del tutto soddisfatta. Il terzo racconto, Quanto odio, è stato stampato come libro a sé ed è presente in questo blog.

condividi!
  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • RSS
Questa voce è stata pubblicata in racconti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.